Recensione GigaWatt PC2 EVO+ in Italiano - da HIFIKNIGHTS

Ecco la nuovissima recensione del GigaWatt PC-2 EVO+ DCB come ci giunge direttamente dalla rivista online HIFIKnights. Leggete e stupite!

Recensione GigaWatt PC2 EVO+ in Italiano – da HIFIKNIGHTS

Buongiorno Carissimi!

Questa volta vi riporto pari pari una recensione del GigaWatt PC2 EVO+ DCB apparsa sul Magazine HIFI Knights a firma di Dawid Grzyb. L’originale è in Inglese e per rendere la lettura più piacevole ho voluto tradurvelo nel migliore dei modi (a me) possibile :) .

Vi ricordo che tutto il materiale della recensione è tratto dal sito www.hifiknights.com che vi consiglio di visitare e tutti i crediti vanno all’autore.

Buona Lettura!

hfknights

IKO

GigaWatt PC-2 EVO+

by Dawid Grzyb / April 23, 2018

GigaWatt è famosa per i prodotti correlati alla fornitura di potenza e solo quelli. Niente sorgenti, amplificatori, altoparlanti, niente. Eppure, questa è una delle più, se non la più nota casa audio polacca al mondo. Essendo da tempo un utilizzatore dei suoi due prodotti “piccoli”, ho deciso di dare un’occhiata a qualcosa di molto più grande. GigaWatt PC-2 EVO+ è arrivato. Buon divertimento.

Introduzione

La maggior parte dei produttori audio attivi in Polonia sono piccoli e sconosciuti al di fuori di questo paese, molti sono stati in grado di ottenere qualche riconoscimento all’estero, ma solo alcuni sono diventati aziende di successo commerciale e in piena crescita con una rete di distribuzione  impressionante in tutto il mondo. Se dovessi scegliere la casa audio più conosciuta, il mio dito punterebbe a GigaWatt e una rapida occhiata alla homepage di questa azienda ne rivelerebbe il motivo. I suoi prodotti sono venduti in quasi 40 paesi e questo è un numero decisamente rispettabile. Si può dire che la storia di GigaWatt sia davvero una storia di successo.

49-1

GigaWatt è stata fondata da Adam Schubert nel 2007, ma la sua avventura audio è iniziata quasi dieci anni prima, nel 1998. All’epoca è stato co-fondatore di Power Audio Laboratories e ha ricoperto il ruolo di progettista principale in questa azienda. Queste date indicano che è stato nell’industria audio per almeno due decenni circa, ma soprattutto è diventato uno specialista. L’erogazione di potenza era ed è ancora il suo interesse fin dal primo giorno. Il lavoro di Adam è stato riconosciuto tra gli appassionati locali e anni di costante ricerca e sviluppo, miglioramenti, ottimi prodotti e marketing intelligente hanno portato ad una nuova azienda di fama mondiale con una struttura indipendente situata a Zgierz, una piccola città che confina con una delle più grandi città polacche – Łódź.

32-1

GigaWatt non è un boutique shop focalizzato sulla vendita diretta e portafoglio di prodotti fuori produzione, ma un business ben sviluppato e costante specializzato esclusivamente in componenti relativi all’alimentazione. Non si vede un finale o un DAC con il marchio GigaWatt su di esso, non è un caso, al contrario, di quattro condizionatori di potenza, tre filtri di potenza, cinque cavi di alimentazione, diversi accessori e componenti sviluppati per essere utilizzati all’interno di una rete elettrica domestica e … questo è tutto. Se pensate che questa non sia la strada da percorrere nel lungo periodo, pensateci di nuovo. Nel caso di GigaWatt lo è. Il lavoro e l’approccio di Adam sono molto specifici. Invece di introdurre nuovi prodotti uno dopo l’altro, si concentra sugli aggiornamenti di quelli già disponibili quando arriva il momento e questa procedura avviene, sempre in modo trasversale e spesso estensivo.

1-1

In GigaWatt le evoluzioni cruciali non sono affrettate, ma avvengono in modo naturale. Crescita costante, sviluppo costante e coerenza di produzione sono i pilastri della reputazione di questa azienda. Il gioco non è di raggiungere la cima, ma rimanere proprio lì e Adam sa come farlo. Ha tutto sotto controllo, il che crea fiducia. Anni fa il vostro recensore ha comprato due prodotti GigaWatt – i modelli Pf-1 e PF-2 – e da allora ne è rimasto soddisfatto. Eppure il prurito di provare qualcosa di più grande e serio è sempre stato presente ed è così che GigaWatt PC-2 EVO+ è diventato l’eroe di questa recensione.

Costruzione

Il prodotto è arrivato in un grande cartone con un altro ancora all’interno. Tra due forme di schiuma, sormontate da due piccole scatole di cartone, avvolto in un un tessuto piuttosto robusto è stato trovato il PC-2 EVO+. All’interno delle scatole c’erano velcro e spine protette da tappi di plastica, il cavo di alimentazione GigaWatt LC-3 MK3+, un paio di guanti di cotone e un manuale. Questo tipo di imballaggio è lo standard del settore. Eppure, il nastro nero con il logo del produttore sulla parte esterna e tutto in generale molto ordinato all’interno sono indicatori che GigaWatt è un’azienda seria.

44-1

GigaWatt PC-2 EVO+ è un condizionatore di linea elettrica, quindi un dispositivo progettato per fare due cose, per fornire protezione contro le interferenze e picchi di tensione presenti nella rete elettrica domestica e per filtrare la corrente prima della sua consegna ai dispositivi collegati. La parte ‘EVO+’ indica che il mio apparecchio appartiene alla terza generazione di GigaWatt. Il primo condizionatore PC-2 introdotto anni fa si basava su trasformatori di separazione, che sono stati abbandonati nel 2010 a favore di un ampio filtraggio multistadio. Così è nata la serie EVO e questo importante “revamp” senza trasformatore è stato realizzato su tutta la linea. Poi, come risultato di ulteriori aggiornamenti, miglioramenti e regolazioni, è stato aggiunto il “+”. Molti produttori probabilmente utilizzerebbero uno schema di denominazione completamente nuovo a questo punto, ma Adam ha deciso di attenersi all’ordine attuale, come i clienti probabilmente si sono abituati ad esso.

29-1

Visivamente GigaWatt PC-2 EVO+ è un po’ usuale e con le sue dimensioni (LxHxP) di 440x115x400mm e peso di 15,6 kg assomiglia molto a un tipico amplificatore. La potenza di uscita massima di questo prodotto e il carico di corrente sono rispettivamente 3680W e 16A, mentre il valore della sovracorrente assorbita è 20000A. La piastra di alluminio aeronautico nera (o argentata) spazzolata sulla parte anteriore presenta quattro viti a testa esagonale vicino a ciascun angolo, mentre una finestra di plexiglass piuttosto grande con il logo del produttore in alto, il nome del modello in basso e un LED bianco in mezzo si trovano al centro. C’è però la possibilità di ordinare un prodotto con una luce di colore diverso. Modelli di livello superiore GigaWatt sono dotati di display di tensione, ma non è il caso del PC-2 EVO+ neanche come upgrade.

45-1

Sei prese Schuko raggruppate in tre categorie occupano la parte posteriore del prodotto. Da sinistra a destra, ogni coppia deve funzionare con dispositivi digitali, analogici e ad alta corrente rispettivamente. Nelle immediate vicinanze c’è una targa dati con numero di serie, tensione, tipo di presa di ingresso, consumo energetico (9W), circuiti di blocco DC (DC Blocker) installati nel mio caso, ecc. Anche la scritta “Engineered & Handcrafted in Poland” è presente. Il LED rosso un po’ sotto indica se la polarità è sotto controllo e una presa IEC con un interruttore on/off un po’ sopra chiude l’elenco. I fianchi e il coperchio superiore del prodotto sono realizzati in un unico foglio di acciaio a forma di U, rifinito in nero opaco e decorato con il logo del produttore profondamente inciso. Appare molto bello. La parte inferiore del prodotto è dotata di quattro piedini in alluminio con rondelle in gomma. Questi sono grandi, pesanti e in generale di qualità, anche se – se lo si desidera – alternative basate sul sistema proprietario di isolamento Rolling-Ball di GigaWatt possono essere ordinate a 660 € extra. Un altro aggiornamento che merita di essere approfondito – DC Blocker (€300) – è stato progettato per bloccare le componenti DC indesiderate. Questo fenomeno altera l’onda sinusoidale AC per renderla non simmetrica, con un ulteriore impatto su tutti i dispositivi basati su trasformatori. Per dirla in modo più chiaro, DC Blocker scherma il sistema audio da ulteriore spazzatura che si trova nelle normali reti elettriche domestiche.

8-1

GigaWatt PC-2 EVO+ è fatto in modo molto razionale. Precisamente e in generale finemente realizzato, questo prodotto di alto livello è stato sviluppato e assemblato per fare un lavoro molto specifico. Spogliato di ogni sgargiante effetto visivo, appare discreto, minimalista e perfettamente curato e sicuro dal punto di vista visivo. Ma una volta che si inizia a prestare la massima attenzione ai dettagli, le cose inosservate a prima vista diventano molto più evidenti. Mi è stato detto che ogni componente presente in ogni prodotto GigaWatt è realizzato esclusivamente per questo produttore. I giorni dei componenti  OEM sono passati da tempo, ora si tratta di trovare un fornitore di qualità e poi personalizzare ogni pezzo disponibile. Per soddisfare la domanda di una rete di distribuzione GigaWatt molto ben sviluppata, è ovvio che gli impegni finanziari di Adam devono essere ingenti. Quando ordina, è molto probabile che ordini molto. E a causa di questo atteggiamento e QC in controllo, tutto nel mio apparecchio è perfetto  e urla qualità, anche se il prodotto stesso visivamente è molto semplice.

39-1

GigaWatt PC-2 EVO+ ha un aspetto fantastico all’interno. Non si intravede alcuna imperfezione di saldatura, al contrario le imponenti schermature, i morsetti e i bulloni, tutti appaiono eccezionalmente ordinati. Il prodotto è basato su un filtraggio parallelo multistadio e sette blocchi principali

Il controllo di fase, la soppressione dei picchi di tensione, i circuiti di blocco DC, le unità Buffer Cell e la filtrazione di ingresso si trovano tutti nella scheda di ingresso, sotto lo schermo più grande accanto alla presa IEC. Poi la corrente passa attraverso barre di rame elettrolitico C11000 altamente conduttive e massiccie ad un circuito a doppio Buffer Cell di compensazione della corrente di alta qualità progettate da GigaWatt. L’obiettivo è aumentare l’efficienza di corrente con carichi non lineari (es. amplificatori di potenza) e diminuire le differenze di potenza tra gli ingressi e le uscite del PC-2 EVO+. Oltre questo stadio e prima delle uscite basate su – ancora – massicce barre di rame, ci sono tre sezioni separate alimentate in parallelo. Ognuna è un po’ diversa, con l’obiettivo di lavorare con carichi diversi, ma tutti i blocchi RLC presentano i condensatori di filtraggio e disaccoppiamento proprietari di GigaWatt sormontati da filtri IP (Iron Powder).

16-1

Mi hanno detto che l’unica azienda in grado di fornire condensatori di soppressione con le specifiche che stava cercando – Miflex – è stata trovata a non più di un’ora di distanza dal quartier generale di GigaWatt. E alla domanda sulle differenze tra il suo PC-2 EVO+ e il mio vecchio modello PF-2, ha detto che – tra le altre cose – quest’ultimo ha un ramo di distribuzione condiviso tra tutti i dispositivi collegati e non ha alcun circuito di buffering al suo interno. Ma in generale, la differenza più importante è l’intero concetto di alimentazione senza perdite, non possibile nel caso della mia vecchia e fidata “ciabattona”.

23-1

GigaWatt PC-2 EVO+ può essere acquistato con qualsiasi cavo dallo stesso produttore, anche se LC-3 MK3+ è suggerito ed è quello che è stato inviato a me. Se acquistato separatamente, il prezzo richiesto per questo modello è di € 990. È abbastanza rigido e non è niente di fuori dal comune, tutti i cavi GigaWatt sono simili da questo punto di vista. All’interno di LC-3 MK3+ sono presenti otto fili di rame OFHC C10100, ciascuno con una sezione di 1,5 mm2 . I conduttori sono isolati mediante polietilene elastico con costante dielettrica abbassata, poi avvolti in un foglio di alluminio schermante e nascosti all’interno di una guaina in PVC morbido sormontata da una rete antistatica. Le spine utilizzate in LC-3 MK3+ sono modelli proprietari di GigaWatt con contatti in ottone placcato oro e tutte le connessioni sono inbullonate e non saldate.

Il Suono

Per recensire GigaWatt PC-2 EVO+, sono stati utilizzati monitor attivi polacchi Sveda Audio Blipo, altoparlanti svizzeri Boenicke W8 e l’amplificatore integrato inglese Trilogy 925. Come di consueto, LampizatOr Golden Gate (Psvane WE-101D + KR Audio 5U4G Ltd. Ed.) ha gestito il compito di conversione D/A (…e controllo del volume quando necessario) ed è stato alimentato tramite Asus UX305LA. L’avversario principale dell’eroe di questa recensione era GigaWatt PF-2 con il cavo di alimentazione LS-2 MK2. Dal momento che PC-2 EVO+ è arrivato con il cavo LC3 MK3+ e questi due sono stati progettati per lavorare insieme, non sono stati separati.

36-1

L’ordine del giorno iniziale era molto semplice. All’inizio i monitor Sveda Audio Blipo erano collegati al mio DAC di riferimento. Questo setup minimalista, completamente bilanciato, eccezionalmente versatile e in generale impressionante è stato molto facile da ascoltare. Sia l’alimentatore che il condizionatore dello stesso produttore sono stati poi collegati tramite i loro rispettabili cavi ad una linea di alimentazione separata basata su prodotti GigaWatt; cavo a parete LC-Y MK3+ 3X4, interruttore automatico G-C20A e presa a parete duplex G-044. Per passare da PF-2 a PC-2 EVO+, tre cavi in totale hanno dovuto cambiare posizione e l’intero processo ha richiesto non più di due minuti.

34-1

L’assunto iniziale era che GigaWatt PC-2 EVO+ si rivelasse un apparecchio prestazionalmente di livello più alto, anche se in generale simile alla power strip PF-2 dello stesso produttore. Ecco perché le aspettative iniziali erano molto modeste, da qualche parte nella terra delle modifiche e non nel grande regno del revamping. Questo era un punto di partenza sicuro, ma la situazione è cambiata piuttosto rapidamente. I monitor Blipo, molto rivelatori, sono stati in grado di mostrare rapidamente e con entusiasmo alcune delle principali differenze tra i due prodotti GigaWatt. Se si suppone che, rispetto ad una normale presa a muro, una power strip PF-2 vecchia di diversi anni renda il suono meno granuloso e quindi intrinsecamente più ordinato, allora anche PC-2 EVO+ va in questa direzione. Ma allo stesso tempo quest’ultimo prodotto fa molto di più.

14-1

Poiché si tratta di un prodotto sviluppato per funzionare principalmente nel settore professionale, i monitor Sveda Audio Blipo sono molto potenti nel rivelare la qualità di masterizzazione delle registrazioni e qualsiasi cambiamento all’interno di un dato setup. La loro reazione a GigaWatt PC-2 EVO+ è stata molto maggiore di quanto ci si aspettasse. Poco dopo essere passato dalla mia “ciabatta” di riferimento, il suono è diventato più robusto e percettivamente anche un po’ più forte, anche se non posso dire se questo fosse vero, dato che non sono state effettuate misurazioni. Quando le tracce con un basso forte erano attive, era molto evidente che nel registro basso ci fosse più fondamento, più muscoli e un po’ più estensione rispetto al passato.

Evochiamo “Sabrina” di Einstürzende Neubauten, “Royals” di Lorde o “Gambling House Massacre” dal favoloso film “Zatoichi” OST. Queste registrazioni hanno linee di basso ben sviluppate e inoltre la gamma bassa più pesante estesa era particolarmente udibile una volta che il PC-2 EVO+ era al lavoro. La stessa storia si ripete con il basso generato da strumenti reali, cioè batteria in vari brani musicali di Wardruna, Danheim e KODO, ma la lista è molto più lunga. Anche se registrato nel migliore dei modi, la generosa porzione di LP “Celloverse” di 2Cellos ha mostrato lo stesso schema con gli strumenti ad arco per i quali questo duo è il più conosciuto. Le prestazioni del basso sono aumentate per molti versi senza compromessi.

21-1

Dopo la prima ora di ascolto critico, l’impressione è stata che la mia power strip PF-2 fosse non solo più magra, ma anche un po’ più debole. Questo era udibile specialmente con i bassi generati artificialmente, cioè sintetizzati e non trasmessi da strumenti reali. Diversi brani dell’LP “Ghosts” di Nine Inch Nails e poi alcuni di How To Destroy Angels – un progetto collaterale dello stesso frontman – mi hanno fatto pensare così. Gran parte del lavoro di Trent Reznor è registrato e masterizzato al di sopra della media, quindi questa osservazione non era legata alla qualità della musica. Ecco perché per un bel po’ di tempo ero certo che PF-2 avesse un vantaggio su PC-2 EVO+ per quanto riguarda la dinamica.

No.

La chiave per scoprire cosa sono esattamente gli strumenti dal vivo. I tamburi della traccia “Daraijin” di KODO di “Mondo Head” LP sono di varie dimensioni e come tali hanno una scala e una tensione diverse. GigaWatt PC-2 EVO+ è stato più generoso per quanto riguarda il texturing e questo su alcune registrazioni ha mascherato lo slancio nella musica. Ma con qualcosa di diretto, agile e non compresso come i grandi tamburi Taiko, il condizionatore di potenza polacco ha facilmente battuto il suo fratello più piccolo e più mi sono addentrato sia in schemi di strumenti minimalisti o grandi pezzi orchestrali, sempre più evidente è diventata la differenza.

47-1

Finora abbiamo notato la generosità del texturing nel reparto basso, ma siamo ben lungi dall’essere alla fine. Questo aspetto da PC-2 EVO+ è stato migliorato anche nel range udibile superiore. E a causa dell’iniezione di colore in questa gamma di frequenze, il mio alimentatore di riferimento vecchio di diversi anni è risultato essere decisamente meno generoso nel processo, quindi suonava più piatto. Qui siamo arrivati alle due caratteristiche più importanti del prodotto più grande di Adam Schubert: la tangibilità e la vivacità. Rispetto al modello di riferimento PF-2, i muscoli più compatti ed evoluti erano nascosti sotto la pelle più sottile, quindi tutto ciò che c’era sotto era più esposto. Né il bilanciamento tonale né la temperatura del suono sono stati modificati, scrivere che PC-2 EVO+ abbia fornito un’esecuzione più calda sarebbe stato un errore piuttosto grave. Un passaggio dal mio vecchio e fidato PF-2 alla macchina superiore potrebbe in parte essere paragonato ad un salto da un DAC ΣΔ economico ad un’ottima prestazione R2R. Sì, quest’ultimo era molto più pesante e ricco, ma anche innegabilmente fuori dalla portata del suo fratello più piccolo. In poche parole, si è trattato di una battaglia tra due diverse classi di prodotti e quella più costosa si è rivelata semplicemente migliore. Questo è da tenere a mente soprattutto dopo aver paragonato anche i prezzi d’acquisto.

24-1

L’imaging era un’altra caratteristica che indicava che PC-2 EVO+ era il prodotto superiore dei due. Ha disegnato strumenti più grandi, eppure più finemente separati, il che non è una sorpresa, dato che era anche più efficiente nel ripulire lo sfondo. Rispetto al modello PF-2, la macchina più grande ha presentato la prima fila un po’ più da vicino, quindi in modo più enfatizzato ed è stata in grado di differenziare più facilmente i layer posizionati più in profondità nel palcoscenico sonoro. Entrambi suonavano allo stesso modo ariosi, e con ottime prestazioni, ma il PC-2 EVO+ elargiva la sua musica musica in modo più naturale.

53-1

Ho scritto che la vivacità del tessuto sonoro era una delle maggiori differenze, ma anche il basso più forte e nerboruto e le capacità di resa della scena scena di PC-2 EVO+ erano allo stesso livello. Ad esempio, lo spazio su “Dás Áiggun Cuozzut” di Mari Boine è una delle cose più evidenti di questo brano. La capacità di ambienza è risultata come il vero elemento di differenziazione tra due prodotti polacchi. Non si trattava di dimensioni in tutte le direzioni, questo abbiamo già detto, ma la sensazione di uno spazio organico e più espansivo nel caso del PC-2 EVO+ rispetto al PF-2.

2-1

Le monitor Blipo mi hanno mostrato qualcosa nella registrazione di Mari Boine che non avevo ancora sentito. Singoli colpi di basso si sentono in tutto il brano. A un certo punto, una volta che il loro suono iniziale svanisce, si sente un piacevole rumore. Genera una spazialità maggiore e la rende piacevolmente risonante. Non rimbomba, ma si muove come un’onda in tutta la stanza.

Il mio punto è che – con i prodotti Sveda Audio in servizio – questo effetto era molto udibile con il PC-2 EVO+ e molto meno con il PF-2. Non si trattava più della quantità o dell’agilità dei bassi, ma di un trucco ambientale nascosto nella registrazione, molto presente con una macchina e appena udibile con l’altra. Più tardi, con la musica fortemente incentrata sulla pulizia del sottofondo e dello spazio stesso (per esempio lo “Zefiro Torna” di Michael Godard), questo interessante effetto è stato ascoltato in vari gradi. Ma il principale vantaggio è che PC-2 EVO+ è stato in grado di erogarlo con potenza, mentre PF-2 non lo è stato.

In definitiva, questi due apparecchi appartengono a livelli di qualità diversi, case closed.

27-1

Tolte le Sveda Audio Blipo ,i miei soliti altoparlanti – Boenicke W8 e Trilogy 925 – si sono messi al lavoro. Abbinati a questo integrato di Golden Gate, i diffusori da pavimento svizzeri sono rispettabili per quanto riguarda le prestazioni dei bassi. Dato che la mia stanza d’ascolto piuttosto bassa si adatta alla descrizione “fastidiosa”, questo deve essere preso seriamente in considerazione con un po’ di musica pesante in gamma bassa.

Con una maggiore enfasi sui bassi, PC-2 EVO+ avrebbe potuto rivelarsi troppo in questo setup rispetto al PF-2, ma non lo è stato. Non si è sentito nessun ulteriore e spiacevole boom. Il basso si è fatto più robusto, più profondo, più complesso, ma in generale è rimasto sotto controllo, mentre l’immagine è stata il punto focale. Gli altoparlanti di Sven Boenicke sono notevoli a questo proposito.

49-1

Con PF-2, le casse svizzere hanno riprodotto lo spazio in modo impressionante e ordinato. Eppure, quando PC-2 EVO+ è entrato in gioco, non solo la stessa immagine è stata ulteriormente amplificata e resa più chiara, ma anche l’intero risultato è stato idratato, per così dire umido. Prima di fare la prova  – ed essendo pienamente consapevole che il mio integrato 925 non è il più adatto per gestire il difficile carico del W8 – mi chiedevo se avrei sentito questi diffusori da pavimento più agili del solito. In breve, il suono è diventato un po’ più elastico, ma lo spazio stesso è rimasto sotto i riflettori. Questa caratteristica è stata la principale attrattiva, indipendentemente da altre modifiche e miglioramenti. Per la seconda volta il PC-2 EVO+ si è rivelato non solo più spazioso, ma anche più generoso in termini di tangibilità e vivacità rispetto al PF-2. La storia si è ripetuta ancora una volta.

Conclusioni

Adam Schubert ha abbastanza esperienza da essere riconosciuto come un veterano senza se e ma. Mi sono fidato dell’uomo con il suo filtro di potenza PF-1 entry level anni fa e ne sono contento da allora, poi GigaWatt PF-2 è entrato a far parte della mia configurazione di riferimento e lo stesso risultato è stato ottenuto. E ora, dopo l’esperienza di PC-2 EVO+, posso solo dire che questo signore gestisce una delle più note aziende audio polacche per una buona ragione. Non è una coincidenza.

Nell’industria audio, avere tutto ottimizzato, automatizzato e basato su semilavorati al 100% progettati internamente, non solo richiede tempo, risorse e dedizione, ma crea anche fiducia dal punto di vista del cliente. E come utente di lunga data di GigaWatt, mi sento perfettamente sicuro del PC-2 EVO+ di questa azienda. Non è un oggetto di gioielleria, ma  hardware audio senza fronzoli: è stato progettato per fare un lavoro molto specifico, costruito per durare e resistere a molte cose spiacevoli. Non posso commentare l’efficacia dei circuiti di protezione di PC-2 EVO+. Ma essendo pienamente consapevole di quanto sia abile Adam, la sicurezza della mia configurazione non mi è mai venuta in mente nemmeno una volta durante il processo di recensione di questa macchina e la stessa storia si ripete con altri prodotti GigaWatt usati quotidianamente.

Una cosa ormai è certa: Le normali prese a muro sono state battute senza sforzo da GigaWatt PF-2 anni fa, e ora questo è stato superato dall’eroe di questa recensione con la stessa facilità.

Questo è il principale risultato di questa recensione, quindi se siete alla ricerca di un condizionatore d’alimentazione adeguato nell’intorno  dei 3.000€, GigaWatt PC-2 EVO+ facilmente si rivelerà proprio quello che state cercando.

Bravo, Adam, alla prossima!

Acquista PC-2 EVO+ nel nostro SHOP!

Leave a Reply