Recensione GigaWatt PC 3 SE Evo in Italiano - Haute Fidélité

Certamente, il condizionatore Gigawatt PC-3 SE EVO fa progredire l'impianto rispetto a praticamente tutti i soliti criteri di giudizio.

Recensione GigaWatt PC 3 SE Evo in Italiano – Haute Fidélité

Questa volta il nostro ringraziamento va ai recensori di Haute Fidélité che ci hanno regalato un’ottima e sintetica recensione del “nostro” GigaWatt PC-3 SE EVO. La versione correntemente disponibile è la EVO+ ulteriormente migliorata nella componentistica rispetto alla EVO, tuttavia, con le dovute aggiunte, questa lettura è un validissimo strumento per avere un assaggio di quale e quanto bene può fare un ncondizionatore GigaWatt al vostro impianto.

L’articolo tradotto non è di nostra proprietà e lo trovate in originale a questo LINK, tutti i crediti vanno agli autori dell’articolo.

Potete acquistare i prodotti GigaWatt nel nostro e-commerce a questo LINK

Buona Lettura!

logo_hf

GIGAWATT PC-3 SE EVO

Gigawatt-Face

Gigawatt è una società polacca fondata nel 2007, ma in realtà è discendente di un’altra società, Power Audio Laboratories, che fin dal 1990 è sempre stata specializzata nelle applicazioid di filtraggio di rete per apparecchi audio. Il focus dei progetti di  Gigawatt è la fornitura di  una corrente superiore alla necessità degli apparecchi, la protezione dai disturbi e le interferenze elettromagnetiche in particolare e la protezione da sovratensioni.

Gigawatt è specializzata nel suo settore e la sua produzione spazia dai cavi che collegano il contatore alla presa a muro con i più avanzati condizionatori di rete, alle multiprese, ai cavi di alimentazione fino agliaccessori, prese, spine e interruttori. Inoltre, è piuttosto rassicurante avere a che fare con un vero specialista nel suo campo. Abbiamo avuto a disposizione per la prova il PC-3 SE EVO che, pur non essendo il PC4 top di gamma, gli è comunque vicino e ne riprende la maggior parte delle tecnologie.

Gigawatt-Dos
Questo PC-3 SE EVO ha sei spine Shuko sul pannello posteriore; da sinistra a destra, due sono dedicate a componenti digitali, ad esempio il trasporto CD e DAC, due ai componenti analogici, come giradischi e preamplificatori, e due ad apparecchi con grandi necessità di corrente, essenzialmente amplificatori, ad esempio due finali mono. Per coloro che vogliono di più, c’è il PC4 più grande e ancora più performante con il doppio di prese per ogni sezione. L’utilizzo di un condizionatore è generalmente molto semplice: lo si collega e non resta che ascoltare.

Il Gigawatt va oltre nel senso che dopo averlo collegato alla rete e dopo aver acceso l’interruttore, un LED rosso sul pannello posteriore ci indica se la direzione della spina è quella che consente di rispettare la fase o no. Questo LED deve essere spento per ottenere il risultato migliore. Ciò riguarda solo il condizionatore stesso e non dispenserà il suo utilizzatore dal controllo della fase per ciascuno degli elementi che lo alimenterà. Sul frontale del dispositivo è presente un display rosso (disponibile anche in blu o verde o bianco) che indica la tensione di rete effettiva.

Gigawatt-Int
Internamente, Gigawatt utilizza dispositivi specifici per raggiungere i propri obiettivi. Questi includono barre di distribuzione della corrente elettrica con una sezione di 30 mm2 di rame solido lucidato, OFC puro al 99,99%; nel caso del nostro PC-3 SE EVO, le barre di distribuzione sono anche argentate.

Il cablaggio interno è realizzato con conduttori in rame argentati con uno spesso isolamento in teflon. Tutti i dispositivi di contatto di Gigawatt vengono criogenizzati, il che significa che sono stati raffreddati ad una temperatura prossima a -200 ° C per 8 ore per limitare l’agitazione molecolare e per omogeneizzare la struttura cristallina del metallo. Il processo ha un’influenza positiva sulla riproduzione audio dal momento che il metallo così trattato ha una migliore capacità di condurre corrente.

Per il resto, il PC-3 SE EVO utilizza un filtro passivo molto efficace per eliminare le interferenze indesiderate, questo filtro a più stadi è montato su un circuito stampato a due lati con ampie piste argentate; un circuito buffer doppio viene utilizzato per aumentare la capacità di fornire forti correnti impulsive a carichi non lineari, come gli amplificatori di potenza. Inoltre, il condizionatore simmetrizza la tensione, il che significa che i valori di tensione di ogni alternanza positiva e negativa sono strettamente identici.

Come gli altri condizionatori del marchio, protegge le apparecchiature collegata da eventuali sovratensioni indipendentemente dalla loro causa, compresi i temporali.

Gigawatt è così sicuro su questo punto che si permette di garantire i dispositivi alimentati tramite i suoi condizionatori per un importo di 250 000 euro, cosa che permette al suo fortunato proprietario di dormire fra due guanciali.

ASCOLTO

Abbiamo potuto ascoltare il Gigawatt sul nostro sistema di riferimento al quale ha immediatamente apportato un miglioramento molto sostanziale.

Siamo passati dalla nostra consueta configurazione con un ottimo filtro di rete di livello molto alto al condizionatore collegato direttamente alla presa a muro. Per essere sinceri, non c’è foto, ma non è stato necessario spremersi le meningi per capire l’efficacia dell’upgrade. Fin dalle prime note, un sorriso sincero di soddisfazione illuminava i volti degli ascoltatori.

La prima impressione che si ha è quella di una evidente maggiore estensione verso il basso e verso l’alto. Con il condizionatore, il sistema guadagna in presenza e soprattutto nell’estensione del basso e del sub-basso, che ha un impatto immediatamente percepibile sulla scena sonora che appare subito più ampia e più profonda: le pareti sembra vengano allontanate.

Il medio alto infine appare come scuro, ovvero meno brillante e meno affaticante, gli alti sono più articolati, più ricchi e più dolci, si avverte più aria tra gli strumenti, gli esecutori sono più a fuoco e meglio differenziati, meno mischiati.

Ascoltando “Una furtiva lacryma” della cantante Izzy, abbiamo beneficiato di una maggiore fluidità, un acuto più nitido e setoso e contemporaneamente di un medio più presente e più morbido. La voce ha guadagnato in naturalezza e il suo timbro è più ricco, più puro.

Su alcuni dei nostri brani di riferimento, abbiamo anche avuto la netta sensazione di un miglioramento delle dinamiche, riflettendoci su, il volume è rimasto invariato, solo il silenzio è più assoluto, questo dà all’ascolto un carattere più dinamico.

L’energia della musica è espressa senza freni, gli attacchi sono netti e il decadimento delle note non termina all’improvviso.

I transienti sono vividi e precisi, ne deriva un’impressione di pienezza e assenza di fatica accompagnata da un ovvio guadagno di naturalezza e rigore.

L’ascolto è migliorato in pulizia e  trasparenza, più sensibilmente per tutti gli strumenti e tutte le voci.

Il sistema che noi conosciamo perfettamente è “salito di un gradino” e sarà difficile per noi scendere di nuovo dopo il forte guadagno in coerenza e musicalità.

Tutto suona in modo più coerente, abbiamo ottenuto anche una maggiore intelligibilità dei micro segnali.

Monty Alexander suona “Calypso Blues” e la chiarezza, la chiarezza del suo pianoforte rende possibile apprezzare ancora di più il tocco dell’interprete.

Lo strumento suona in modo più reale e anche la ricchezza armonica si giova di questo evidente progresso.

Certamente, il condizionatore Gigawatt PC-3 SE EVO fa progredire l’impianto rispetto a praticamente tutti i soliti criteri di giudizio.

L’ascolto del nostro ottimo sistema di riferimento si è avvicinato a quello di certi impianti di gamma ultra-alta, che a volte ascoltiamo, con sorgenti, amplificatori o altoparlanti eccezionali.

La nostra sorpresa è stata quella di poter verificare quanto la qualità dell’alimentazione influenzi fortemente il funzionamento delle nostre elettroniche che, liberate dai difetti della loro fonte di energia, finalmente realizzano pienamente il loro potenziale.

Senza alcun dubbio, questo tipo di condizionatore deve essere considerato come parte integrante dello sviluppo di un sistema di alta qualità: ora è chiaro che il gioco vale la candela e che l’investimento è ampiamente giustificato.

SCHEDA TECNICA

Prese disponibili : EU (Schuko), US (Nema)
Tensione di linea: 220-240 V / 50-60 Hz
Massima potenza continua : 3 680 W
Massima corrente continua : 16 A
Assorbimento di impulsi di corrente: 20 000 A
Dimensioni : 440 x 115 x 400 mm
Peso : 16 kg

Leave a Reply