Recensione di Audio Exklusiv P2 in Italiano - HIFI Statement

ortunatamente, Audio Exklusiv rimane fedele alla sua linea: il P2 convince anche con un'immagine sonora armoniosa e molto aperta e non si lascia deviare minimamente dal percorso della virtù. Il P2 non ha bisogno né di effetti speciali né di altre caratteristiche evidenti nella sua risposta in frequenza per lanciare un incantesimo sull'ascoltatore. Lo fa con il suo tempismo perfetto e i suoi timbri ricchi. Potrebbe essere enormemente difficile trovare un equalizzatore che suoni altrettanto bene e di simile alta qualità a questo prezzo!

Recensione di Audio Exklusiv P2 in Italiano – HIFI Statement

Ben ritrovati!

Quella che segue è la traduzione di un articolo apparso su HIFI Statement, l’autorevole rivista online tedesca, circa la prova dell’ottimo Audio Exklusiv P2, a confronto del più costoso Einstein. Tutti i diritti sono riservati all’autore originale. L’articolo originale è raggiungibile tramite questo LINK

Buona Lettura, e fatemi sapere cosa ne pensate!

download

Audio Exklusiv P2

Andreas Schönberg, boss di Audio Exklusiv, avrebbe preferito una costruzione ibrida a questo stadio phono a transistor. Io, d’altra parte, non mi interesso molto della tecnologia se il P2 si dimostra sincero e onesto come il suo costruttore.

b_0_0_0_10_images_content_tests_12-02-15_audioexklusiv_12-02-13_Audio-Exklusiv-P2_003

Dal momento che Andreas Schönberg ha ridato vita al famoso marchio Audio Exklusiv, si èmosso in una sola direzione: in salita, il che si riflette nel numero sempre crescente di prodotti e nell’aggiunta di nuovi distributori all’estero, oltre che nella crescita delle vendite e in rapporti di prova entusiastici. Le ragioni principali di ciò sono l’eccellente suono dei componenti, che hanno un prezzo estremamente contenuto rispetto alla concorrenza, e la quasi totale rinuncia alla commercializzazione di “fuffa”.

Ed è capace di ammettere,nelle informazioni sul prodotto per la P2 che avrebbe preferito una soluzione tecnica diversa da quella messa in pratica. Ma di questo si parlerà più avanti.
Ho avuto la mia “WOW Experience” poco più di un anno fa, quando sono entrato in contatto con gli amplificatori Audio Exklusiv mentre lavoravo con l’hifi: Quando ho provato il preamplificatore valvolare e l’amplificatore di potenza ibrido, sono rimasto stupito di quanto suono e materiale finemente realizzato Andreas Schönberg e il suo team offrissero al cliente per i quella somma. Nonostante le valvole nel percorso del segnale, non hanno ceduto alla tentazione di cercare un particolare suono per gli amplificatori, così quest rimangono elegantemente in disparte e lasciano trasparire dettagli, timbri, dinamica e spazio – se la registrazione lo consente. Quindi le aspettative sono abbastanza alte per questo P2.

b_0_0_0_10_images_content_tests_12-02-15_audioexklusiv_12-02-13_Audio-Exklusiv-P2_005

Per i sistemi a magnete mobile sono disponibili tre capacità di carico

Fin dall’apertura delle scatole questo apparecchio mi ha conquistato: Mentre con le P1 e P7 non mi sono sentito molto a mio agio a causa del loro aspetto dominato dall’oro, almeno per quanto riguarda il design, lo stadio fono con il frontale Nero Assoluto e i comandi neri è estremamente discreto ed elegante. Il resto dello chassis è in lamiera d’acciaio spessa due millimetri e smorzata con pesanti tappetini, come di consueto con Audio Exklusiv, e lo speciale, molto efficace, materiale bianco per l’assorbimento della risonanza, che viene utilizzato anche nei Silentplugs molto apprezzato da Amré Ibrahim, non è stato risparmiato: come nella P7, i distanziatori per i circuiti stampati e le viti di fissaggio sono stati forati con notevole sforzo e riempiti con il materiale circa il quale Andreas Schönberg è comprensibilmente silenzioso. Ma non è tutto: anche i relè reed a gas, che commutano gli ingressi, l’amplificazione e le resistenze o capacità d’ingresso, i transistor ad effetto di campo dello stadio MC in cascata e i due FET dello stadio MM sono stati smorzati con la speciale plastica.

Fino all’equalizzazione RIAA, il percorso del segnale nel P2 è privo di condensatori di accoppiamento. I circuiti servoassistiti assicurano che non vi siano flussi di corrente continua. Solo prima dello stadio di uscita in Classe A c’è una capacità: una combinazione di condensatori a film prodotti appositamente per l’Audio Exklusiv e quelli con carta oleata e mica. Naturalmente, le resistenze utilizzate nei punti rilevanti per il suono sono di alta qualità: Audio Exklusiv utilizza le resistenze dei migliori produttori Vishay e Holco.

Il guadagno per le testine MC può essere regolato in tre passi di dieci decibel. Sono disponibili sei impedenze di ingresso

Mentre sul percorso del segnale è presente una sola capacità, per l’alimentazione questo non può essere sufficiente: Dopo un filtro di rete in ingresso di alta qualità, i trasformatori estremamente generosi di ogni canale e i diodi raddrizzatori veloci, si continua con una serie di bobine, resistenze e condensatori elettrolitici con 60000 µFarad. Poi ci sono i 6000 µFarad dei condensatori Panasonic FC, che sono posizionati vicino ai carichi sulla scheda del segnale con le loro tracce di PCB spesse 105 micrometri. Inoltre, i cosiddetti moltiplicatori di capacità per l’aumento della capacità virtuale contribuiscono ad un’alimentazione elettrica priva di ondulazioni, in modo che i circuiti audio possano funzionare in condizioni ottimali. Un cablaggio interno schermato di alta qualità e un rilevatore di fase completano il quadro positivo del P2.

Il proprietario di questo pre phono non ha bisogno – come purtroppo accade troppo spesso altrove – di trafficare con scomodi microswitch per trovare il giusto setup per il pick-up. Usando il selettore rotativo sul pannello frontale, può facilmente scegliere tra MM e MC, e qui tra tre diversi guadagni. Può anche scegliere tra tre capacità di carico per sistemi a magneti mobili e sei impedenze di carico per bobine mobili. Se questo non bastasse,  sono presenti due  connettori RCA, che sono collegatei in parallelo agli ingressi sbilanciati su cui si possono collegare delle resistenze di carico supplementari. Anche l’attrezzatura della P2 non è stata risparmiata.

b_0_0_0_10_images_content_tests_12-02-15_audioexklusiv_12-02-13_Audio-Exklusiv-P2_007

Se non si ritiene che i carichi di terminazione selezionabili dal frontale siano sufficienti è possibile aggiungere resistenze in parallelo a propria scelta alle prese “MC Load” per ottenere il valore desiderato. La spia di fase sulla destra si accende quando la polarità del connettore è corretta.

Ho poi dato al P2 solo mezz’ora per acclimatarsi sul ripiano superiore del rack prima di provare alcune opzioni di posizionamento: prima direttamente sul legno, poi con una base Audio Exklusiv d.C.d. Base e infine con i piedini d.C.d. Feet tra base e dispositivo. Come previsto, le chicche dell’azienda hanno avuto un effetto positivo sul suono della P2. Con costi relativamente gestibili abbiamo ottenuto una scena ancora più grande e una dinamica ancora più avvincente: gli impulsi sono aumentati in modo impressionante sullo sfondo di  un silenzio ancora più scuro e profondo. Il tocco finale è stato dato da quattro Silentplug, che occupavano l’ingresso MM non utilizzato e le prese per le singole resistenze di terminazione. Il dispositivo e gli accessori erano in perfetta armonia: nessun punto debole nel componente è stato compensato con uno sforzo aggiuntivo – finora non sono stato in grado di rilevare la minima debolezza del P2 con la migliore volontà del mondo. I Silentplug, la Base e i Feet pongono la barra un po’ più in alto in tutti gli aspetti in cui il pre phono fornisce prestazioni già più che convincenti. Ed è per questo che non posso trascurare questi accessori così efficaci quando raccolgo ulteriori esperienze con questa “Black Beauty”. Per non fraintendere: Il P2 può anche sopravvivere molto bene da solo, non dipende in alcun modo dai tre piccoli aiutanti. Ma con loro, gli LP possono essere semplicemente goduti con un po’ più di divertimento. Ed è di questo che si tratta, se possibile, anche al lavoro.

Ho poi ascoltato musica per qualche settimana con lo stadio phono Audio Exklusiv nell’uso quotidiano, senza confronti, senza nemmeno pensare a questo test. E in questo periodo non mi sono perso nemmeno il mio equalizzatore di riferimento, l’Einstein bilanciato. Anche sul lungo periodo il P2 non ha mostrato la minima pecca. Il fatto di poter essere completamente soddisfatto di un componente della tua catena per un periodo di tempo più lungo ha un significato molto importante per me. Ed è per questo che, dopo la sua visita al nostro studio fotografico, ho ascoltato a lungo l’equalizzatore fono, con pickup diversi e a confronto con The Turntable’s Choice di Einstein.

Dato che stavo parlando di divertimento, comincio con Muddy Waters “Mannish Boy” sull’LP in 45mm per lo spot di Levis e la testina Brinkmann derivata da EMT: si percepisce la gioia esuberante di suonare deii musicisti e un groove avvincente garantito, questo con entrambi gli equalizzatori. L’Einstein dà un po’ più pressione nelle ottave inferiori e suona un po’ più sporco, il che è abbastanza autentico con questo tipo di musica. Ma l’Audio Exklusiv circonda gli strumenti con un po’ più d’aria e disegna gli alti un po’ più aggraziatamente. Tuttavia, il molto più costoso Einstein ha dovuto spostarsi sul davanzale sul retro dei mobiletti per questa prova, e i cavi sbilanciati o bilanciati che collegano i bracci agli stadi phono non provengono dallo stesso costruttore, anche se provengono dallo stesso livello di qualità piuttosto alta.

b_0_0_0_10_images_content_tests_12-02-15_audioexklusiv_12-02-13_Audio-Exklusiv-P2_009

Dopo il filtro di rete tutto è rigorosamente separato per i due canali. I carichi per i pickup e gli ingressi sono selezionati tramite relè.

Continuiamo con la Decca SPA 233 e Rodrigos Concierto De Aranjuez: qui il P2 suona in modo molto raffinato e con un colore forte, disegna una filigrana e un quadro un po’ più distante, mentre la Einstein si comporta in modo un po’ più avvincente e presenta un quadro un po’ più grande, più vicino e almeno altrettanto profondo. Ognuno dei due equalizzatori presenta i segnali della EMT in modo completamente convincente e coerente. Solo quando si scambiano i due apparecchi a confronto ci si chiede se qui sia auspicabile un’andatura leggermente più energica o un po’ più ariosa. La qualità incredibilmente alta dei due stadi phono è comunque fuori questione.
Passiamo a Kuzma 4Point e Lyra Olympos. Qui l’Einstein riceve il segnale attraverso i cavi diretti, mentre l’Audio Exklusiv è collegato tramite il Cinch-Box e l’Ortofon TSW 5000 – ovviamente non contemporaneamente. Ma anche questo esperimento ha solo parzialmente successo, perché se si stabilisce la connessione Cinch al P2, il cavo con i connettori XLR, resta collegato al braccio e funge da antenna. Oltre al segnale dell’Olympos, l’Audio Exklusiv riceve anche un segnale radio debole (!!!) . Si possono vedere le qualità della Lira, ma un confronto della P2 con la Einstein è inutile in queste circostanze. Pertanto, una breve pausa per la ricostruzione è doverosa: Un PMI V occupa la posizione del Kuzma ed è dotato di una Lyra Titan. La ristampa di Three Blind Mice TBM-63 è ora sul piatto: Black Orpheus di Isao Suzuki. Gli impulsi di violoncello e basso e i toni ruvidi di un Fender Rhodes distorto ti saltano letteralmente addosso. Il suono straordinariamente diretto da studio emana un solco irresistibile e una potenza enorme e morbida. E tutto questo indipendentemente dal fatto che Einstein o Audio Exklusiv si occupi dell’equalizzazione. Con entrambi  ci si gode il disco immensamente. Ad un livello così alto le minuscole differenze non hanno più importanza.

b_0_0_0_10_images_content_tests_12-02-15_audioexklusiv_12-02-13_Audio-Exklusiv-P2_010

I transistor e i relè sono smorzati con una plastica che ne assorbe le risonanze.

CONCLUSIONI
Fortunatamente, Audio Exklusiv rimane fedele alla sua linea: il P2 convince anche con un’immagine sonora armoniosa e molto aperta e non si lascia deviare minimamente dal percorso della virtù. Il P2 non ha bisogno né di effetti speciali né di altre caratteristiche evidenti nella sua risposta in frequenza per lanciare un incantesimo sull’ascoltatore. Lo fa con il suo tempismo perfetto e i suoi timbri ricchi. Potrebbe essere enormemente difficile trovare un equalizzatore che suoni altrettanto bene e di simile alta qualità a questo prezzo!

PROVATO CON

Giradischi: Brinkmann LaGrange con alimentatore
Braccio:     Brinkmann 12.1, Kuzma 4point, SME V
Testine:      Lyra Olympos und Titan i, Brinkmann EMT ti
Pre Phono:Einstein The Turntable‘s Choice (sym)
Preampli:   Brinkmann Marconi
Finali;         Brinkmann Monos
Diffusori:    LumenWhite DiamondLight Monitors
Cavi:         Ortofon TSW 5000 Silber
Precision Interface Technology
HMS Gran Finale Jubilee
Audioplan Powercord S
Multipresa HMS-Energia

Audio Exklusiv d.C.d Base, piedini e Silentplugs

Dati tecnici
Preamplificatore Phono P2
Risposta in frequenza 20 Hz – 20 kHz (-0.15 / + 0.18 dB)
Rapporto Segnale Rumore(MM / MC) 98 dB / 86 dB
THD+N 0,017 %
impedenza di ingresso MC 100, 250, 510, 850, 1000, 47000 Ohm
Capacità di carico MM 50, 100, 150 pF
MC Guadagno 10 / 20 / 30 dB
Consumo energetico 14 Watt
Misure 480/125/465 mm
Peso 15,5 kg
Garanzia 2 Anni

Leave a Reply