fbpx

Recensione Pre Phono Audio Exklusiv P2 in Italiano - da Dagogo

"È uno stadio phono a tutto tondo sia dal punto di vista funzionale che sonoro. È evidentemente silenzioso, molto dinamico, caldo e leggermente arrotondato in alto e in basso. I punti di forza sono la sua presentazione accurata e ritmata, vivace, immediata e pronta."

Recensione Pre Phono Audio Exklusiv P2 in Italiano – da Dagogo

Buongiorno a Tutti,

Il preamplificatore phono P2 lo conosciamo già da tempo e vi abbiamo anche dedicato un VIDEO per scoprirne qualche segreto. Poi viene la curiosità di sapere cosa se ne dica in giro, giusto per capire se i pareri concordano o meno… E allora attingo alla quantità di recensioni che sono già state fatte in giro per il mondo e, mentre ci sono, ve ne pubblico una traduzione in modo che siano facilmente comprensibili a tutti. Di seguito vi riporto nientemeno che una recensione di DAGOGO pubblicata già qualche anno fa. Questo vi faccia anche ragionare sulla serietà di un marchio come A-E che non cambia i modelli come i calzini…

 

Vi ricordo come sempre che i prodotti Audio Exklusiv sono disponibili presso le nostre show room di

Milano Via Vannucci 20,

Biella, 

Roma via A. Omodeo 29

oltre che sul nostro

ecommerce.

 

Immagine

Audio Exklusiv P2 Phono Preamplifier Review

Di: 

Ricordo che quando comprai il mio primo CD player nel 1984, fu come vincere un concorso di popolarità. Armato del lettore CD-X1 Yamaha che portava un prezzo di $ 600, non ero più solo un altro audiofilo adolescente; Ero un audiofilo con un lettore CD. Il giorno stesso, il venditore mi ha venduto con riluttanza un giradischi Luxman PD-284 per $ 200, inclusa una cartuccia con un avviso allegato. “Non dire che non ti avevo avvertito. Tra due anni non comprerai più alcun LP, il formato Snap Pop e Crackle sarà morto “. Fortunatamente, la sua audace profezia è rimasta vera solo per circa 10 o 15 anni. Non riesco a individuare l’anno esatto, ma da qualche parte intorno al volgere del secolo, il mondo dell’audio è improvvisamente entrato nell’era di Analog Aquarius.

AudioExklusivP2

Nel 2008, Kristina Dell della rivista Time ha dichiarato che “I dischi in vinile, in particolare gli LP a figura intera che hanno contribuito a definire l’era d’oro del rock negli anni ’60 e ’70, sono di nuovo improvvisamente freddi. Reuters ha riferito nel 2009 che “Vinyl ha fatto una forte rimonta”. E ancora nel 2012, un articolo sul Wall Street Journal affermava che “Molto tempo dopo che gli elogi (del formato digitale) erano stati consegnati, l’LP in vinile è stato rianimato. “In effetti, il vinile sta tornando più forte che mai.

Partecipa semplicemente a uno spettacolo audio in qualsiasi parte del mondo per assistere all’abbondanza di scelte che ora abbiamo per le apparecchiature analogiche. Probabilmente non è una semplice coincidenza che le mie attuali mansioni di scrittura siano suddivise tra componenti che sono tutti correlati analogici (un braccio, una cartuccia e due stadi phono aggiuntivi in ​​cima a questo). Nel complesso labirinto dello spazio di mercato del preamplificatore phono, l’abbondanza di scelta è spesso tanto un fastidio quanto la sua mancanza. Non commettere errori a riguardo, il processo decisionale può essere difficile. All’interno della categoria degli stadi phono tra $ 5,000 e $ 10,000, posso citarne alcuni in cima alla mia testa, che erano tutti in mio possesso per un breve periodo: The Manley Steelhead ($ 7.300), l’Audia Flight ($ 6,100), il Rossner & Sohn Canofer-S ($ 7,200), l’Ensemble Fonobrio ($ 7,000), l’ Aesthetix Rhea Signature ($7,000), l’ Audio Research PH-7 ($5,995), l’ ASR Exclusive ($6,500).

Proprio quando pensi di avere abbastanza scelte in quello spazio affollato, entra in gioco phono Audio Exklusiv P2 ($ 7,500) dalla Germania, che ho incontrato per la prima volta nella sala di Charisma Audio durante il TAVES 2012. Dal frontalino in granito finemente rifinito, alle manopole di controllo cromate, sembra proprio un oggetto di lusso. La praticità che si ottiene con il guadagno del pannello anteriore e le regolazioni di carico ricorda il Rossner & Sohn Canofer-S e il Manley Steelhead; Semplicemente non potevo resistere a non chiedere un campione per la recensione. Bernard Li di Charisma Audio, il distributore di Audio Exklusiv in Nord America, ha cortesemente acconsentito alla mia richiesta, e lo ha persino consegnato a mano nella mia residenza. Ciò che seguì fu un intensa relazione di quattro mesi con questo stadio phono di fabbricazione tedesca.

AudioExklusivP2-2

Funzionalità

L’esemplare in mio possesso del P2 mette in mostra un’elegante scatola nera dove la forma segue la funzione. L’ampia piastra frontale da 19 “è interamente realizzata in granito massiccio con un disegno a colori che ricorda il ripiano in granito spagnolo Alcantara nero trovato nella mia cucina; Audio Exklusiv chiama questo modello in granito “Nero Assoluto”. Il telaio è realizzato in lamiera standard. I controlli rotativi sul pannello frontale, da sinistra a destra, includono un interruttore di accensione ON / OFF, un selettore MM per capacità e un interruttore sorgente tra MM e MC, un interruttore a 3 posizioni per guadagno MC con una scelta di 10dB, 20dB, e 30dB. I numeri rappresentano la quantità di guadagno in decibel sopra il valore predefinito di 46 dB di guadagno dell’unità per lo stadio MM. Poi c’è un interruttore rotante che fornisce sei scelte di caricamento MC (100Ω, 250Ω, 500Ω, 1kΩ e 47kΩ), seguito da un pulsante di silenziamento alla fine.

C’è una scelta di sei diversi tipi di granito per il pannello frontale (Nero Assoluto, Ardesia, Marmo di Carrara, Star Galaxy, Estremoz e Labrador), analogamente le manopole di controllo sono disponibili in 5 scelte (oro lucido, argento cromato, nero lucido, nero opaco e rame lucido) e le lettere con quattro (nero, argento, oro e rame).

Il pannello posteriore è pulito e semplice, con un set di output e due set di ingressi (uno MC e uno MM) selezionabili tramite il pannello frontale. Il terzo set di ingressi RCA non sono ingressi, ma sono collegamenti per ulteriori impostazioni di resistenza nel caso in cui si richieda una resistenza di carico esatto, diversa dalle sei scelte sul pannello frontale. Il valore preciso può essere ricavato dalla formula (R1xR2) / (R1 + R2). Ad esempio, se si sceglie un 1kΩ sul pannello frontale combinato con l’inserimento di un resistore da 500Ω (saldato su una spina RCA maschio, suppongo), la formula produrrà un carico di 333 ohm. E se sei matematicamente incapace come me, puoi contattare la fabbrica e ti spediranno volentieri un  “carico” a tua scelta.

Una tipica cartuccia MC verrà fornita con una raccomandazione di carico resistivo di fabbrica; se non specificata, la scelta corretta è in genere circa da 10 a 20 volte l’impedenza interna della cartuccia (detta anche impedenza della bobina). Se il valore è impostato troppo alto, il suono sarà luminoso e spigoloso; se è impostato su un valore troppo basso, la parte superiore viene attenuata e il basso diventa grasso e lanoso. Di solito suono una traccia di vinile con la quale sono familiare e la confronto con la stessa registrazione su un CD. L’esperienza mi dice che l’impostazione ottimale di solito è compresa tra 30 e 50 ohm rispetto alle impostazioni di fabbrica consigliate, a seconda della lunghezza e della capacità del cavo.

Una volta collegata l’unità a una sorgente CA, un LED rosso accanto all’ingresso IEC indicherà se la fase del segnale CA in ingresso è stata invertita. Se il LED rosso si accende, si consiglia agli utenti di riservare la spina. Con la spina con messa a terra a 3 poli che utilizziamo in Nord America, non vedo come sia possibile un’inversione a meno che il cablaggio nella parete non sia stato collegato in modo errato.

Con il P2, tutto è accessibile attraverso il pannello frontale tranne che per due interruttori per attivare il filtro subsonico che riduce la risposta in frequenza inferiore a 20Hz di 3 decibel. Audio Exklusiv sconsiglia l’uso del filtro subsonico se non assolutamente necessario, motivo per cui l’interruttore è posizionato all’interno dell’unità. Se si dispone di un braccio che è stato abbinato in modo non corretto al valore di cedevolezza della cartuccia, è possibile utilizzare il filtro subsonico per ridurre le frequenze di risonanza risultanti. Frequenze subsoniche indesiderate possono anche essere generate da registrazioni deformate o anche feedback da un giradischi che è posizionato troppo chiuso i diffusori.

La tecnica

Secondo le mie conversazioni via e-mail con Andreas Schönberg, che è l’attuale proprietario di Audio Exklusiv, l’obiettivo progettuale della P2 è riprodurre la musica “come più pura e reale possibile”. In altre parole, vuole che la musica sia riprodotta nel modo in cui era inteso senza apportare aggiunte o sottrazioni al segnale analogico. Sotto il cofano, ciò che può sembrare una disposizione arbitraria dei componenti da parte del designer è stato meticolosamente pensato e testato fino all’ultimo dettaglio. Niente è lasciato al caso. Il P2 utilizza resistori Vishay e Holco non induttivi (alcuni con tolleranza allo 0,1%) e conduttori MKP, MICA e Paper in Oil. Sebbene entrambi i canali condividano lo stesso circuito stampato, P2 è un design dual mono con entrambi i canali completamente separati l’uno dall’altro.

AudioExklusivP2-4

L’alimentatore della P2 utilizza due trasformatori sovradimensionati che sono isolati separatamente in scatole schermate. L’alimentazione CA in ingresso passa attraverso il filtro induttivo e i condensatori con una riserva totale di 60.000uF fornita da più banchi di condensatori FC Panasonic, che è maggiore di quella che si trova in alcuni amplificatori di potenza. Un circuito speciale “moltiplicatore di capacità” estende questa capacità con conseguente assenza di rumore nella tensione operativa finale, molto simile a una batteria ma senza gli svantaggi tipicamente associati ad alcune unità alimentate a batteria come la mancanza di contrasto dinamico e una presentazione senza vita. Il design della P2 utilizza un circuito servo attivo a 2 vie per la corrente continua per evitare l’uso di condensatori di accoppiamento in uscita (è possibile trovare solo un condensatore nel percorso del segnale). L’amplificazione si ottiene attraverso tre fasi di guadagno: Il primo stadio è un circuito Cascode J-Fet per la sezione MC; il MM ha due fasi, J-Fet Cascode e un circuito Bipolar + MosFet Cascode. Per lo stage MC, il circuito funziona in piena amplificazione utilizzando tutti e tre gli stadi di guadagno indipendentemente dalle impostazioni di guadagno del pannello anteriore. Per le impostazioni di guadagno inferiore, la P2 utilizza un partitore di tensione, che secondo Andreas, ha il vantaggio di mantenere un livello costante di feedback negativo in modo che il P2 suoni lo stesso funzionamento in qualsiasi impostazione di guadagno.

Il design della P2 ha evitato l’uso di interruttori meccanici (che sono soggetti a corrosione) dove mai possibile; Gli interruttori relè reed riempiti di gas racchiusi nel solenoide sono impiegati per preservare l’integrità del segnale.

Andreas Schönberg ha prestato particolare attenzione all’isolamento delle vibrazioni meccaniche e al controllo della risonanza per il telaio. Andreas ha spiegato che una parte dell’apparecchiatura audio non è altro che un complesso sistema di risposta in frequenza che è influenzato non solo dalle vibrazioni dei componenti (come cabinet, circuiti stampati, prese o cablaggi e vibrazioni dei trasformatori) ma anche dalle vibrazioni dell’aria.. Tutte queste vibrazioni contaminano il segnale audio e pertanto devono essere ridotte o eliminate del tutto. Il materiale di smorzamento proprietario che si trova sul lato inferiore del coperchio superiore, così come i supporti del circuito, sono stati utilizzati per ottenere questo effetto.

AudioExklusivP2-5

Per migliorare ulteriormente gli effetti dell’isolamento vibrazionale, Andreas ha progettato anche una linea completa di accessori, tra cui una piattaforma chiamata “dCd Base”, i piedini componenti denominati “dCd” Feet, così come i tappi “Silent RCA” progettati per essere collegato a prese RCA inutilizzate. Tuttavia, dal momento che sto esaminando un componente e non gli accessori, ho deciso di non incorporarli nella mia recensione anche se sono stati forniti dal distributore.

Per la maggior parte di questa recensione, la maggior parte dell’ascolto è stata eseguita con una cartuccia Lyra Olympos montata su un braccio Schroeder Reference da 12 “. Altre cartucce che ho provato includono la Clearaudio Goldfinger V2, la My Sonic Lab Ultra Eminent BC,  Lyra Kleos e la nuova Lyra Atlas.

Con il guadagno e il carico accessibili attraverso il pannello frontale, il P2 è abbastanza versatile da gestire tutte le cartucce che ho provato con esso. Lo stesso non si può dire per alcuni degli stadi phono che ho usato in passato. Per esempio con Rossner e Sohn Canofer-S ($ 7,200) che ho recensito di recente, non avevo abbastanza gain per pilotare la cartuccia My Sonic Lab Ultra Eminent BC che ha un’uscita di 0.29 mV (più simile a 0.19 mV nella realtà), ed è stato appena sufficiente a guidare la cartuccia ZYX Universe con un’uscita di 0,24 mV. Lo stesso può dirsi per FM Acoustics FM-122 Mk II ($ 16,500), in cui l’unità è stata inviata ad un centro di assistenza autorizzato dalla fabbrica che ha modificato internamente un resistore interno prima che il guadagno potesse essere aumentato a un livello alto abbastanza da pilotare la mia cartuccia My Sonic Lab.

E il rumore? Nessuno. Anche con una cartuccia a bassa emissione come My Sonic Lab Ultra Eminent BC che richiedeva il settaggio del guadagno al massimo livello, non riuscivo a percepire quasi nessun sibilo o ronzio a meno che il volume non fosse a gomito oltre il livello del 60% al minimo, dove un un debole sibilo poteva essere udito dagli altoparlanti. Il P2 non è probabilmente così silenzioso come il Canofer-S, o il Burmester PH100 ​​(attualmente in esame), ma è facilmente alla pari con il phono Audia Flight o il PhD di Sutherland, e sicuramente molto più silenzioso di qualsiasi altro stadio phono a valvole sul mercato, compreso l’eccellente audio Research Reference II SE (attualmente in esame), il Manley Steelhead o l’Aesthetix Rhea.

Così basta, dimmi come suona!

La prima combinazione di testina e braccio che ho provato con il phono audio Exklusiv è stata la cartuccia Clearaudio Goldfinger V2 e un braccio Ebony TA-1 12 “Artemis Labs (attualmente in prova) e un giradischi TW Raven AC. Quando ho suonato l’album di Ruggiero Ricci con la London Symphony Orchestra, (lo stesso LP con cui ho recensito Rossner e Sohn Canorfer-S), la prima cosa che ho notato è stata che il P2 ha una presentazione molto più dinamica, frontale e più presente rispetto al Canofer-S o l’Ensemble Fonobrio che utilizzavo in precedenza con questa cartuccia. L’immagine sonora assomigliava a un televisore con l’impostazione di contrasto e luminosità a un livello più alto. Il violino di Ricci è diventato più prominente contro uno sfondo orchestrale che era più ritmato e scattante. Mentre andavo avanti e indietro tra varie registrazioni classiche, Ho sentito che la cartuccia Goldfinger V2, che ha funzionato molto bene con il Rossner & Sohn Canofer-S nella mia recensione precedente, potrebbe non essere stata la miglior testina per il P2 nel mio sistema.

La perfezione sonora, tuttavia, è stata raggiunta quando sono passato alla cartuccia Lyra Olympos. Il P2 manteneva le stesse caratteristiche soniche con l’Olympos, con la stessa tenuta sul basso che si amalgamava bene con una parte superiore che era pulita e nitidamente focalizzata, tuttavia il suono diventava meno forte e meno intenso. Se dovessi pensare a due parole per descrivere il P2, sarebbero “vivacità” e “immediatezza”. Indipendentemente da ciò che ho messo sul piatto, c’era una forte spinta ritmica al suono che mi ha fatto venir voglia di battere i piedi a tempo…

AudioExklusivP2-6

Ascoltando la traccia introduttiva “Chan Chan” nell’album Buena Vista Social Club di Ry Cooder, la musica ha riportato in vita il social club cubano degli anni ’40 nel mio salotto. C’era un’immediatezza e un’evidenza nella presentazione che hanno reso il P2 particolarmente vivace con questo tipo di musica. Ogni pizzico delle corde della chitarra portava con sé una trama ritmica che non solo poteva essere ascoltata, ma percepita attraverso la stanza insieme a ogni ritmo di batteria. La vivacità della presentazione mi ha spinto a tirare fuori l’album Toto IV che non ho sentito da molto tempo. Anche se non molto ben registrato, il P2 ha prodotto una solida autorevole presentazione sulla canzone “Africa”. Con ogni colpo di batteria, il P2 ha restituito un punch profondo che era decisamente forte e solido, sempre con una forte enfasi al ritmo,

Passando a un brano musicale non per i deboli di cuore, ho estratto l’album Symphony No. 8 di Shostakovich con la London Symphony Orchestra, diretta da Andre Previn su EMI (ASD 2917). Non commettere errori, l’Allegro non troppo (3 ° movimento) non è un pezzo da suonare per una passeggiata romantica dopo cena. Shostakovich lo ha descritto come un poema di sofferenza e un tentativo di riflettere la terribile tragedia della guerra. L’intensità della performance è stata descritta da alcuni come una rappresentazione grafica di un attacco di battaglia con un tempo che marcia su una macchina. Un amico che non è un fan della musica classica ha definito questa performance l’equivalente classico di “Ride the Lighting” dei Metallica. Se non possiedi questo disco, e intendo lo Shostakovich e non i Metallica, fatti un favore ee comprane una copia, ma sii avvisato che un mio amico ha distrutto una coppia di woofer quando i suoi amplificatori sono arrivati al clipping suonandolo.

Dall’inizio il moto ritmico perpetuo che passa dalle corde agli ottoni bassi, al graduale aumento dell’intensità che conduce al grande finale, la performance spremerà ogni grammo di dinamiche dal tuo sistema, richiedendo piena attenzione da parte dell’ascoltatore. Con il Canofer-S e l’Ensemble Fonobrio seduti proprio accanto al P2, ho trovato difficile resistere a non fare un confronto diretto. Il P2 non ha certo deluso e ha offerto prestazioni con bassi profondi e impatto dinamico, più importanti sia di Canofer-S che di Ensemble. Mentre il Canofer-S forniva dettagli più sottili e maggiore estensione in alto. l’Ensemble aveva una morbidezza complessiva e suonava relativamente più rilassato ed educato. Il P2 ha offerto prestazioni con un’enorme dinamica unita ad un’accuratezza assoluta, facendo emergere il bene e il male dai solchi del disco. Le note basse sembrano andare sempre più in profondità con il P2, inviando onde a bassa frequenza nella mia stanza d’ascolto quando gli archi scivolano verso le corde inferiori. L’improvviso scoppio di rabbia attraverso i legni e gli ottoni è aggressivo, prominente ma mai penetrante. Il forte scoppio percussivo aveva un caratteristico contratto dinamico che era assolutamente terrificante, ritraendo accuratamente le emozioni cupe, tristi e dolorose che Shostakovich intende trasmettere. La Sinfonia n. 8 di Shostakovich potrebbe non essere gestita al meglio da uno stadio fono con un carattere educato e rilassato come il PhD di Sutherland, o uno che enfatizza la dolcezza euforica come il Kondo M7. Richiede qualcosa che possa creare un contrasto dinamico con velocità e accuratezza; qualcosa che appaia grande. In altre parole, il P2 fa il lavoro nel modo giusto!

AudioExklusivP2-7

AudioExklusivP2-8

Passando a qualcosa di un po’ meno intenso, nel secondo movimento di Simple Symphony for Strings and Orchestra di Benjamin Britten, il “Playful Pizzicato” è una delle poche composizioni per questa recensione che vengono riprodotte nella sua interezza (Britten Conducts English Music for Archi, DECCA SXL 6045). Con circa 30 interpreti che pizzicano contemporaneamente le corde sul loro strumento, le prestazioni forniscono pochissimo spazio per errori quando si tratta di precisione tonale. Se hai troppo basso, i contrabbassi diventeranno un unico boom box dal suono lanoso e fangoso, se hai troppo poco suoneranno invece come un violoncello. Il P2 aveva la capacità di riprodurre bassi puliti, netti e profondi provenienti da più contrabbassi e violoncelli che erano individualmente distinguibili attraverso il palcoscenico. I suoni provenienti dal violoncello e dai violini erano puliti e scattanti, con un’immagine olografica leggermente più grande del normale, ma la relazione spaziale e temporale si univa vividamente. L’intera presentazione ti avvicina ai posti in prima fila rispetto a quelli posteriori; ti senti come se fossi intimo con l’azione di fronte a te, un tratto che trovo coerente con tutte le registrazioni che ho suonato con il P2.

Passando alla musica pop, quando ho ascoltato “Wicked Game” di Chris Isaak (Heart Shape World, Reprise Records 9 25837-1), la sua voce cupa e profonda è stata catturata magnificamente dal P2, proiettando un’immagine seducente che era vicina, intima, quasi a spezzare il cuore. La chitarra acustica sullo sfondo era ricca e sciropposa, ma non suonava né tuby né nasale. La sua voce da vicino era saldamente ancorata al suo posto. Il suono generale era risonante, caldo e immediato.

Qualche lamentela?

Da un punto di vista funzionale, trovo piuttosto divertente che alcuni produttori utilizzino piccoli interruttori DIP per le regolazioni di carico che vengono spesso collocate in posizioni inaccessibili come il pannello posteriore o persino all’interno dello chassis. Il P2 è stato in grado di soddisfare questa caratteristica desiderabile fornendo scelte regolabili al volo sul pannello frontale, ma 3 delle 5 scelte disponibili non sono veramente utili. Di tutte le 30 o più cartucce fono MC che ho usato in passato, non posso ricordare una singola che richiede un caricamento di 500, 1000 o 47k ohm. Sebbene le scelte personalizzate siano disponibili attraverso gli ingressi RCA del pannello posteriore, avrei preferito molto vedere una scelta di caricamento di say, 50, 80, 100, 150, 200 o 250ohm sul pannello frontale, che è un intervallo più comunemente utile.

La versatilità offerta dalla P2 in termini di selezione dei guadagni è di per sé una benedizione e una maledizione. Avere uno stadio phono che può ospitare l’uscita di varie cartucce è una caratteristica molto desiderabile, ma il fatto stesso che il segnale ha dovuto attraversare più stadi di guadagno avrà un effetto sul suono, la mia esperienza mi dice che meno è meglio. Non fraintendetemi, questo non rende la P2 uno stadio phono “inferiore” in alcun senso; semplicemente non puoi averlo in entrambe le direzioni. O vai per il guadagno e o perdi un po’ di dettagli, è un compromesso per la maggior parte del tempo. Anche se non è l’ultima parola sull’estrazione di dettagli, la P2 non è affatto rozza o derubata della risoluzione. Esegue ogni singolo bit e ogni stadio phono sul mercato con più di uno stadio di guadagno e con feedback negativo.

Conclusioni

Per il purista concentrato su uno specifico set di requisiti stringenti come avere un telecomando, uno stadio di guadagno a valvole, uno stadio di guadagno singolo, un feedback zero o condensatori esotici benedetti dalle vergini spagnole, l’Audio Exklusiv P2 non sarà per voi. Per tutti gli altri, il P2 può essere una buona scelta. È uno stadio phono a tutto tondo sia dal punto di vista funzionale che sonoro. È evidentemente silenzioso, molto dinamico, caldo e leggermente arrotondato in alto e in basso. I punti di forza sono la sua presentazione accurata e ritmata, vivace, immediata e pronta.

Ancora una volta, il mio intento per questa recensione non è giudicare il valore, né determinare se questo sia un prodotto “buono” o “cattivo” secondo i miei standard. Il mio obiettivo era quello di presentare al lettore le caratteristiche sonore di Audio Exklusiv in modo da poter determinare se corrispondesse alle qualità sonore desiderate. A $ 7,500 (street price in Italia attuale 4600€) il P2 non è un giocattolo, ma per un prodotto di alta qualità dalla Germania che può gestire le migliori cartucce sul mercato, non esiterei a metterne uno nel mio salotto, l’unico problema è che ho già 8 pre phono in casa. Puoi spingere i tuoi limiti con tua moglie solo  fin qui .

Leave a Reply