Il caso Tannoy e la musica Made in China

lo storico centro di produzione scozzese di Tannoy, uno dei marchi più celebri nel mondo Hi-Fi, verrà chiuso, e il marchio trasferito in Cina

Il caso Tannoy e la musica Made in China

Una notizia comparsa a fine aprile su HiFi Pig ci racconta un altro capitolo in un processo che sembra ormai inarrestabile: lo storico centro di produzione scozzese di Tannoy, uno dei marchi più celebri nel mondo Hi-Fi, verrà chiuso.

marine1

Il marchio tuttavia, continuerà ad esistere, ma Music, multinazionale che controlla Tannoy, ha deciso di centralizzare la produzione. Ovviamente in un megastabilimento e ancora più ovviamente in Cina. Il centro di produzione dove è nato il marchio, in Scozia, nel comunicato stampa viene semplicemente liquidato come ridondante, quindi, in pratica superfluo.

chinese-factory-workers

Ora, non dilunghiamoci nemmeno sull’impatto che può avere questo sul tessuto sociale: Coatbridge è una città di circa 40.000 abitanti e, in fondo, i dipendenti in esubero sono circa 70 e, sempre secondo il comunicato, si avvierà una trattativa per decidere una strategia di uscita.

CoatbridgeFountain1

Rimane comunque da chiedersi se gli operai dello stabilimento da tre milioni di metri quadrati in cui verranno prodotti i prossimi diffusori saranno all’altezza delle maestranze che svolgevano questo lavoro da anni. Tuttavia una questione rimane.

Una bella sorpresa per chi ha un ordine in sospeso

Sempre secondo il comunicato ricevuto da HiFi Pig, “Following this announcement all sales, order and delivery processes remain unaffected.”. Cioè, “Dopo questo annuncio, tutte le vendite, gli ordini e le spedizioni  rimarranno invariate”. Massima solidarietà a chi ha prenotato un prodotto made in UK e si vedrà recapitare un prodotto Made in China.

20070612-burtynsky-mw13-008-910

Tannoy è solo l’ultimo di una serie di marchi illustri che, dopo acquisizioni più o meno felici, vedono la loro catena produttiva trasferita in qualche stabilimento nelle remote province della Cina. Chiunque abbia sentito suonare questi apparecchi sa perfettamente dove sia il problema. Nella migliore delle ipotesi i “nuovi” criteri costruttivi abbassano il livello qualitativo, nella peggiore lo storico marchio diventa un eccezionale specchio per le allodole da incollare su qualsiasi apparecchio a basso costo, da rivendere in qualche grande magazzino come prodotto “di fascia alta”.

credits: http://www.itishifi.com/2012/05/is-it-real-or-is-it-crap.html

credits: http://www.itishifi.com/2012/05/is-it-real-or-is-it-crap.html

Che dire? Auguriamoci solo che i marchi che resistono… continuino a farlo.

NdR: Non abbiatene a male, non abbiamo nulla contro Tannoy, un marchio che ha fatto la storia dell’alta fedeltà, anzi, forse proprio questo ci rattrista ancora di più…

2 Responses

  1. Marco Valleggi

    Semplicemente, fa***lo anche a Tannoy e a chi la controlla. Mossa sicuramente infelice, ma a scopo di lucro. Strizzeranno il limone fino a quando darà succo poi lo getteranno via! Compreremo semmai nel circuito vintage.

Leave a Reply